Questo sito web fa uso di cookie tecnici, analitici e di terze parti per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente e per analizzare i dati di traffico.
Per continuare la navigazione acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie, ricordandoti che puoi modificare la scelta in qualsiasi momento dalla nostra pagina Cookie Policy.

Blog AquaEmotion - Aquafitness in acqua termale. Perchè?

Aquafitness3 

Con questo primo articolo cominciamo a conoscere chi è l'istruttore di aquafitness e -più in generale- di attività verticali in acqua termale. Ma soprattutto, cominciamo a conoscere il portentoso strumento a nostra disposizione: l'acqua termale!

Chi è l'istruttore di aquafitness?

L'istruttore di aquafitness anzitutto conosce l'acqua, le caratteristiche che la differenziano dalla terra e conosce come i movimenti terrestri vengono modificati quando ci si trova in ambiente acquatico. 

Al prossimo appuntamento ti racconteremo in dettaglio chi è, per noi, l'istruttore di Aquafitness!

Le acque non sono tutte uguali!

La temperatura dell'acqua delle piscine è regolamentata per legge (Conferenza Stato-Regioni – Accordo 16 gennaio 2003 Gazzetta Ufficiale 3 marzo 2003, n. 51Qui puoi trovare un semplice opuscolo con le principali regole!). 

Di norma le vasche per il nuoto hanno una temperatura ottimale attorno i 27°-28°C; vi sono poi piscine con acqua riscaldata rifornite da acqua comune e con temperatura normalmente tra i 30°-32°C (utilizzate soprattutto per le attività verticali come aquafitness, riabilitazione, ma anche nuoto bimbi, acquaticità, ecc.).

Vi sono infine le piscine con acqua termale rifornite da sorgenti naturali di acqua termale dove l'acqua viene raffreddata e portata a 34°-36°C.

L'acqua termale si differenzia dall'acqua comune non solo per la temperatura, ma anche per i minerali in essa disciolti che le conferiscono caratteristiche specifiche e aumentano la sua densità. Anche l'utilizzo dell'acqua termale nelle piscine è regolamentata per legge (Legge 24 ottobre 200 n. 323 “Riordino del settore termale” G.U. 8 novembre 2000 n. 261).

In particolare, l'acqua termale ha un effetto:

- Miorilassante
- Vasodilatatore
- Antinfiammatorio

Come possiamo unire questi effetti con il fitness?

I benefici dell'attività in acqua termale sono molteplici, tuttavia l' insegnante di aquafitness termale deve fare attenzione a chi soffre di problemi cardiocircolatori. In caso di patologie cardiocircolatorie è fondamentale avere il consenso del medico. 

Ѐ inoltre importante ricordare a fine lezione che l'attività svolta fa comunque sudare il nostro corpo, anche se non sembra. Si consiglia quindi sempre di idratarsi post lezione.

Ecco un breve riassunto della caratteristiche/vantaggi dell'attività in acqua termale! 

EFFETTI DELL'ACQUA TERMALE

LEZIONE DI AQUAFITNESS

Il calore migliora il movimento, il movimento migliora sia la risposta elastica muscolare sia la mobilità articolare

Durante la lezione inserisco delle fasi dove sfrutto la spinta di galleggiamento, uso poca resistenza, lavoro sui tre piani (frontale, sagittale, trasversale), con l'obiettivo di migliorare l'elasticità muscolo-articolare

Non c'è necessità di dover mantenere una soglia medio-alta della FC per generare calore endogeno

  • Uso le fasi lente per far apprendere i movimenti, la respirazione, la coordinazione.
  • Posso fare lavori di resistenza muscolare, dove si richiede massima coordinazione e ricerca della resistenza dell'acqua in ogni fase del movimento.
  • Nella fase finale della lezione posso fare esercizi di stretching statico.

L'effetto vasodilatatore + miorilassante + movimento = sciolgo tensioni, effetto antinfiammatorio

Il calore endogeno ed esogeno aiutano a sciogliere tensioni nel nostro corpo.

La sensazione alla fine della lezione è di sentirsi più sciolti.

Vasodilatazioni e problemi circolatori agli arti inferiori

Si può praticare aquafitness senza problemi perchè la contrazione muscolare che avviene durante l'esecuzione dei movimenti contrasta la vasodilatazione.

Ѐ consigliato post lezione fare una doccia fredda agli arti inferiori.

Nei casi gravi è importante un consulto con il medico.

Temperatura

Le temperature dell'acqua sono variabili.

L'insegnante può trovarsi con temperature che vengono percepite più fredde (32*/33*); o con temperature più calde (35*/36*).

In caso di freddo si dovrà stimolare di più con lavori che aumentino la FC.

Viceversa in caso di caldo, bassa FC e bassa resistenza. Più lavori di mobilità e flessibilità.

Grazie alla temperatura dell'acqua termale si possono fare lezioni all'aperto tutto l'anno!

Questo ha numerosi benefici sia dal punto di vista fisico (miglior ossigenazione e stimolazione del sistema immunitario) sia dal punto di vista psichico.

 Articolo scritto da: Cristina Dalla Mutta


Vuoi scoprire di più sul mondo dell'aquafitness in ambiente termale?

AquaEmotion Academy

Sei già un istruttore?
Organizziamo workshop specifici sul termalismo, sulle attività più indicate e sulle metodologie di allenamento alle terme.

Vuoi diventare istruttore di aquafitness?
Controlla le date dei nostri corsi base!

Scopri di più!