Questo sito web fa uso di cookie tecnici, analitici e di terze parti per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente e per analizzare i dati di traffico.
Per continuare la navigazione acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie, ricordandoti che puoi modificare la scelta in qualsiasi momento dalla nostra pagina Cookie Policy.

Blog AquaEmotion - Cos'è l'acqua termale?

Cos'è l'acqua termale?

Blog_Figura2bis
 

La comune definizione di acqua termale include le acque caratterizzate da uno stato termico medio annuo superiore di almeno 4°C rispetto alla temperatura media dell’aria e di 2°C rispetto a quella media del suolo.

Esse posseggono generalmente un grado di mineralizzazione più o meno elevato ed una composizione chimica costante con prevalenza di alcuni composti in quantità tali da renderle farmacologicamente attive.

Temperatura

Il criterio di classificazione più immediato è sicuramente quello basato sulla variabile temperatura, che le definisce all’interno di tre categorie:

-- ipotermali _ con temperature tra 20°C e 30°C
-- termali _ con temperature tra 30°C e 40°C
-- ipertermali _ con temperature superiori a 40°C

(a cui si aggiungono le acque fredde _ con temperature inferiori ai 20°C)

Le acque euganee sono ipertermali, con range di temperatura compreso tra 60°C e 86°C.
La loro temperatura tende a diminuire lungo una direttrice che da Abano Terme porta verso Battaglia Terme e Galzignano Terme. 

La temperatura dell’acqua è un parametro molto importante sia per gli aspetti terapeutici sia per gli effetti sulla concentrazione salina:

• Determina il contenuto in sali disciolti ovvero il grado di mineralizzazione
• La temperatura delle acque sotterranee è determinata dal gradiente geotermico

Residuo Fisso

In base al loro residuo fisso, le acque si possono suddividere in:

• ACQUE MINIMAMENTE MINERALIZZATE : residuo fisso inferiore a 50 mg/l
• ACQUE OLIGOMINERALI : residuo fisso inferiore a 200 mg/l
• ACQUE MEDIOMINERALI : residuo fisso compreso tra i 200 e i 1000 mg/l
• ACQUE MINERALI : residuo fisso superiore a 1000 mg/l

ll residuo fisso esprime la quantità totale dei soluti presenti nell'acqua, in prevalenza sostanze inorganiche. La determinazione del residuo fisso è tra le più importanti indagini da svolgere su un'acqua termale anche perchè rientra nella classificazione ufficiale delle acque terapeuticamente attive sia ad uso termale che imbottigliate. Solitamente espresso in mg/L, il residuo cui si fa riferimento più comunemente è quello a 180°C.

Le acque euganee sono acque minerali

Composizione Chimica

Infine, l'acqua termale prende il proprio nome dall'elemento o dall'insieme di elementi chimici di cui è formata. Nella determinazione della composizione ionica predominante si tiene conto in primo luogo dell'anione (o degli anioni) prevalente ed in secondo luogo del catione. Quando uno ione è presente in quantità superiore a 20 mEq/litro dà il nome all'acqua.
Pertanto, in base alla composizione ionica prevalente, le acque minerali vengono classificate in:• acque bicarbonate
• acque salse o cloruro-sodiche o salso-bromo-iodiche
• acque sulfuree
• acque arsenicali ferruginose
• acque solfate

Le proprietà della nostra acqua termale sono la temperatura e la salinità, che le caratterizzano come acque ipertermali salso-bromo-iodiche per la presenza di Sodio, Bromuro e Iodio, con importanti funzioni antiinfiammatorie e sedative.

 
Immagine: Bagni de Abano, D. Vandelli in De Thermis Agri Patavini_Padova, Conzatti, 1761 --> scopri la spiegazione iconografica qui
Autore: Cristina Dalla Mutta, responsabile formazione tecnica di AquaEmotion

Ogni mese pubblicheremo approfondimenti sull'acqua termale.
Se vuoi restare aggiornato sull'argomento, iscriviti alla nostra newsletter!